Servizio da tè MGA (Mazzotti Giuseppe Albissola) in ceramica maiolicata

Servizio da tè MGA (Mazzotti Giuseppe Albissola) in ceramica maiolicata

 600

Splendido servizio da tè in ceramica maiolicata prodotto da M.G.A. (Mazzotti Giuseppe Albisola): il set è composto da dodici tazze, dodici piatti, una teiera, una lattiera lattiera ed una zuccheriera, sotto a cui è presente il marchio della manifattura; in perfetto stato, è caratterizzato da colori caldi.

Descrizione

M.G.A., Mazzotti Giuseppe Albisola: una storia affascinante

MGA è la Fabbrica di Ceramiche d’Arte Tradizionali e Moderne fondata da Giuseppe Mazzotti con altro soci. Giuseppe Mazzotti, dopo alcune esperienze lavorative a Livorno, a Napoli, ad Albisola nel 1903 apre una propria azienda con lo scopo iniziale di realizzare comignoli per l’edilizia; ben presto la produzione vira su altre tipologie, dedicandosi alla lavorazione della ceramica artistica in proprio e firmando con le sue iniziali “M.G.A.”, i pezzi che escono dalla bottega. Collabora con diverse aziende del settore. Dal 1922 al 1927 entra in società il pittore e decoratore Guido Cavallero: per questa ragione, sulle ceramiche artistiche viene riportata la firma “Cavallero & Mazzotti”. Le collaborazioni con grandi ceramisti continuano con nomi importanti: Mario Gambetta, Virio da Savona e Paolo Rodocanachi.

A partire dal 1923, con l’apertura di una nuova sede, si affiancano i figli Torido e Tullio che iniziano a raccogliere intorno alla manifattura una sempre maggiore schiera di artisti futuristi che disegnano e realizzano per l’”M.G.A.” le ceramiche che l’hanno resa famosa. Negli stessi anni, collaborano con la manifattura i pittori Antonio Vaccari, Giovanni Gerlo, Orlando Gambino e il fornaciaio Lino Mordeglia e ancora Alf Gaudenzi, Fillia, Fortunato Depero, Nino Servettaz ed altri.

Nel 1930 Farfa (all’anagrafe, Vittorio Osvaldo Tommasini) disegna per la manifattura 11 pezzi notevoli, destinati a rivoluzionare gli stilemi della ceramica futurista.

Nel 1932 viene costruita una nuova e grande fabbrica, ampliata due anni dopo.

Dal 1933 al 1938 collabora con la manifattura Guglielmo Sansoni e con il designer Bruno Munari, Romeo Bevilacqua, Lino Berzoini, Bartolomeo Tortarolo, Nino Strada, Salvatore Fancello, Agenore Fabbri, Lucio Fontana e Aligi Sassu.

Nel 1944 Giuseppe Mazzotti, a San Michele di Mondovì, muore mentre i figli Torido e Tullio subiscono le persecuzioni fasciste.

Conclusa la guerra, i figli riprendono l’attività e la fabbrica risale la china e riprende la collaborazione con tanti noti artisti e artigiani dell’epoca: Renzo Aiolfi, Giovanni Battista De Salvo, Giuseppe Capogrossi, Pina Olivero, Asger Jorn, Karel Appel, Piero Manzoni, Franco Garelli, Emilio Scanavino, Roberto Crippa (solo per citare alcuni nomi).

Nel 1959 i tre fratelli Mazzotti decidono di dividere l’azienda di famiglia e Torido, il primogenito, aiutato dalla moglie Rosa Bovio e dai figli Bepi e Celina, gestisce una nuova fabbrica, attiva ancora oggi: “Ceramiche e Maioliche Artistiche Giuseppe Mazzotti 1903”.

Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: